FRANCESCA CICCIA

FRANCESCA CICCIA

FRANCESCA CICCIA

Psicologa e Psicoterapeuta
Brief info

Ordine Psicologi Liguria n° 1767

Riceve a:
Mortara (PV), Via Corso Garibaldi, 28
Vigevano (PV), Via G. Parini, 8

+39 329 2244150
dott.ciccia@gmail.com

Autobiografia

Sono nata e cresciuta a Genova, tra mare ed entroterra.
Per poter studiare psicologia, ho dovuto scegliere dove trasferirmi e Pavia e i suoi territori mi colpirono subito per l’accoglienza, la capacità di essere a misura d’uomo e contemporaneamente offrire uno sguardo ampio tra storia, cultura e natura. A Pavia ho ottenuto la “Laurea in Psicologia dello sviluppo e dell’educazione”.

Ho scelto poi di specializzarmi in psicoterapia psicanalitica presso “Il Ruolo Terapeutico di Genova” che mi ha aiutata a formare solide basi, ampie vedute e validi strumenti anche personali per poter svolgere autonomamente e responsabilmente quello che per legge il diploma mi avrebbe consentito di fare.

Ho svolto il tirocinio di specialità in un consultorio occupandomi prevalentemente di età evolutiva, ma anche di adulti e genitori.

Conoscenza e formazione, confronto e supervisione hanno caratterizzato la mia struttura flessibile e tutt’ora costituiscono le basi del mio lavoro. Ho imparato che la formazione, come anche la terapia, sono il frutto della relazione, della collaborazione reciproca e del dialogo, dove ogni “attore” deve poter fare, e prima ancora scegliere di fare, la propria parte.

Negli ultimi 15 anni ho collaborato con scuole di ogni ordine e grado. Ho coordinato per diversi anni una scuola dell’infanzia privata in Lomellina e svolgo da anni il ruolo di tutor didattico in un Centro di Formazione Professionale del territorio. Parallelamente da 10 anni svolgo attività clinica in studio privato.
Tutte le esperienze hanno contribuito e tutt’ora contribuiscono a fornire sempre nuovi spunti di riflessione su questa realtà in continuo e rapido divenire.

Cosa dire di me?
Solarità e riservatezza sono caratteristiche che derivano dalle mie radici, dalla mia terra d’origine, e che mi tengo strette, spesso in controtendenza rispetto a ciò la “rete” globale sembra richiedere.

L’accoglienza invece l’ho coltivata qui, in Lomellina, dove mi sono sentita da subito accolta, benvoluta e avvolta in un ampio abbraccio dalle tante persone incontrate.